Login con

Medicina

20 Giugno 2023

Tumore vescica, in arrivo test genetico tissutale specifico. Solo tre ore per capire le alterazioni

Oltre 300 mila italiani, un sesto circa donne, vivono con un tumore della vescica, che rappresenta il 3% di tutti i tumori ed è il secondo tumore urologico nell’uomo dopo quello della prostata. Una malattia che ha registrato un aumento dell’8% solo nell’ultimo anno e che è fondamentale individuare precocemente


Oltre 300 mila italiani, un sesto circa donne, vivono con un tumore della vescica, che rappresenta il 3% di tutti i tumori ed è il secondo tumore urologico nell’uomo dopo quello della prostata. Una malattia che ha registrato un aumento dell’8% solo nell’ultimo anno e che è fondamentale individuare precocemente, e soprattutto in modo preciso, con un’analisi genomica che ne definisca il profilo molecolare. Per questo, annuncia una nota Diatech, sarà sviluppato un test (per uso in vitro diagnostico IVD) in grado di rilevare le alterazioni genetiche, con valore predittivo, finalizzato al trattamento con terapie a target molecolare. Si tratta di un test altamente efficace attraverso una procedura di analisi rapida che richiede solo tre ore, utilizzando la tecnologia Real-TIme PCR. Questo consentirà ai medici, in base alla sua composizione genica, di indirizzare i pazienti verso trattamenti farmacologici personalizzati con terapie a target molecolare. Il test, in arrivo, è frutto di un accordo di collaborazione tra Diatech Pharmacogenomics e Janssen Pharmaceutica NV finalizzato a migliorare l'accesso alla medicina di precisione dei pazienti con tumore della vescica.

“Negli ultimi anni l’attenzione della ricerca si è sempre più focalizzata sullo sviluppo di nuovi test diagnostici in grado di rilevare le alterazioni geniche di valore predittivo in oncologia – spiega Oliva Alberti, CEO di Diatech–. Allo stesso tempo sono già disponibili e di prossima introduzione un numero sempre maggiore di farmaci ‘intelligenti’ in grado di colpire specifiche mutazioni geniche, con grande impatto positivo sulla qualità della vita dei pazienti oncologici e con l’obiettivo di rendere le patologie tumorali sempre più curabili. Questo per il tumore della vescica è un test assolutamente innovativo e noi siamo felici di avviare questa nuova collaborazione con Janssen. In Diatech Pharmacogenetics puntiamo a generare valore aggiunto su più fronti per tutti i pazienti che lottano contro il cancro, attraverso il ricorso ad un approccio multidisciplinare”.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

29/02/2024

UCB Pharma ha deciso di supportare l’iniziativa “ColorUp4RARE”, ideata da EURORDIS – Malattie Rare Europa, Associazione europea che ha istituito questa...

29/02/2024

In occasione della Giornata Mondiale delle Malattie Rare 2024, Sanofi lancia la sua campagna “La Ricerca più Preziosa” volta a dare il proprio contributo di...

29/02/2024

Il gruppo chimico-farmaceutico Zambon con sede a Bresso nel Milanese, attraverso la controllata elvetica Zambon Biotech, ha siglato con la statunitense Amneal...

29/02/2024

L’Emilia-Romagna è stata considerata fino ad oggi una tra le regioni italiane all’avanguardia nel campo della terapia con radioligandi (RLT), che rappresenta...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top