Login con

Diritto sanitario

10 Luglio 2023

Covid-19, confermato proscioglimento Fontana per il “caso camici”. Le motivazioni

Il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana non va processato per il cosiddetto 'caso camici'. Lo hanno ribadito i giudici dell'appello di Milano che hanno respinto la richiesta del pg Massimo Gaballo, il quale condividendo l'atto di appello della procura, ribadiva la richiesta di rinvio a giudizio per gli imputati


Il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana non va processato per il cosiddetto 'caso camici'. Lo hanno ribadito i giudici dell'appello di Milano che hanno respinto la richiesta del pg Massimo Gaballo, il quale condividendo l'atto di appello della procura, ribadiva la richiesta di rinvio a giudizio per gli imputati.

Fontana era già stato prosciolto, lo scorso 13 maggio, dal gup Chiara Valori, la quale aveva stabilito il non luogo a procedere "perché il fatto non sussiste" per frode in pubbliche forniture per il governatore lombardo, per il cognato Andrea Dini proprietario della società Dama, per Pier Attilio Superti vicesegretario generale della Regione, per Filippo Bongiovanni e Carmen Schweigl, rispettivamente ex dg e dirigente di Aria, la centrale acquisti della Regione. Le motivazioni saranno rese note tra 90 giorni.

Al centro dell'indagine l'affidamento da parte di Aria spa, di una fornitura, poi trasformata in donazione, da circa mezzo milione di euro di 75mila camici e altri dpi a Dama. Fornitura accordata durante il primo periodo della pandemia, quando era più difficile reperire dispositivi di protezione.

Quello che si contesta nel ricorso della procura - il pg ha insistito affinché i cinque imputati fossero mandati a processo - è il modo in cui è stato considerato il contratto tra la Regione e la società Dama, ossia come un accordo tra privati e non con la pubblica amministrazione. Le azioni contestate sono "funzionali alla tutela degli interessi personali del governatore Fontana e di quelli economici della Dama spa riferibile alla moglie e al cognato" e "hanno avuto l'esito di posporre l'interesse pubblico (alla completa e tempestiva esecuzione della fornitura) a interessi privati convergenti degli imputati Fontana e Dini, con il concorso degli altri imputati, chiamati a dare esecuzione alle disposizioni del presidente della Regione Lombardia" secondo la pubblica accusa.

Di diverso avviso le difese che, in aula, hanno sempre difeso l'operato e la trasparenza dell'operazione. Ora i giudici hanno confermato il proscioglimento come già fatto, in precedenza, dal gup Valori che nelle sue motivazioni aveva sottolineato come la 'trasformazione' del contratto riguardo la consegna dei camici - in piena emergenza Covid - da fornitura a donazione "si è realizzata con una novazione contrattuale che è stata operata in chiaro, portata a conoscenza delle parti, non simulata ma espressamente dichiarata" e quindi non ci fu "inganno", ma un risparmio per Regione Lombardia".

TAG: LOMBARDIA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

21/02/2024

Condividere conoscenze e strategie innovative per alzare sempre di più l’asticella nel Settore Sanitario Italiano. Con questa ambizione nasce il progetto "Grandi...

21/02/2024

'Per quanto riguarda la dengue, la situazione è sotto controllo. Siamo allertati, stiamo facendo tutto ciò che necessario, però per il momento siamo tranquilli"....

21/02/2024

Astrazeneca balza in borsa, facendo registrare un importante aumento del valore delle sue azioni nel mercato londinese, che guadagna più del 3,5%. L’aumento del...

20/02/2024

Si riduce l'uso del preservativo nei giovani tra gli 11 e i 24 anni. È uno dei dati che emerge dall’Osservatorio annuale 'Giovani e sessualità' - che Durex...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top