Login con

Regioni

16 Maggio 2023

Sanità, Regioni a rischio crac. Servono 5 miliardi

Se la Sanità pubblica vorrà evitare il rischio di un default sarà necessario che il Governo metta mano al portafogli con una iniezione di fondi miliardaria tale da rimpinguare le casse delle Regioni, svuotate dagli esborsi sostenuti per fare fronte, prima all'emergenza Covid


Se la Sanità pubblica vorrà evitare il rischio di un default sarà necessario che il Governo metta mano al portafogli con una iniezione di fondi miliardaria tale da rimpinguare le casse delle Regioni, svuotate dagli esborsi sostenuti per fare fronte, prima all'emergenza Covid e poi ai rincari dei costi energetici. E senza dimenticare di riportare a un buon livello il Fondo Sanitario Nazionale rimettendo indietro le lancette, quanto meno al 2020 quando il suo rapporto con il Pil era al 7,5%. A sottolinearlo è l'assessore alle Politiche per la Salute dell'Emilia-Romagna e coordinatore della commissione Salute delle Regioni, Raffaele Donini che rilancia la palla nel campo dell'Esecutivo.

"Per evitare il crac – sottolinea a Rai News 24 - serve innanzitutto la consapevolezza politica di far tornare la Sanità centrale rispetto all'agenda del Governo e di tutti i partiti che oggi si confrontano in Parlamento. Poi - inizia a fare i conti - servono almeno 5 miliardi: 3,8 di spese Covid non rimborsate alle Regioni nel 2021 e che ancora gravano sui nostri bilanci e 1,4 per i costi energetici non rimborsati per il 2022" perché la loro impennata "ha colpito prevalentemente le Regioni che hanno una Sanità pubblica molto diffusa e molto estesa sul territorio".
La strada verso la salvezza della sanità universalistica passa, a giudizio di Donini, per l'aumento del Fondo Sanitario Nazionale che porti l'Italia a quanto era nel 2020", cioè a quando il Fondo era pari "al 7,5% del Pil. Sarebbero circa 4 miliardi all'anno almeno in cinque anni, da qui al 2027 - osserva - per raggiungere quello che eravamo nel 2020: oggi stiamo scivolando pericolosamente da qui al 2025 al 6% del Pil".
Una cosa da evitare assolutamente per l'assessore emiliano-romagnolo tanto che la sua Regione ha già pronta una "proposta di legge che avanzeremo entro l'estate, al massimo a settembre" e che giudica proprio il sostegno per le spese per il Covid e i costi energetici non rimborsati e l'adeguamento del fondo sanitario, come punti "indispensabili. È una proposta di legge che, come Emilia-Romagna, avanzeremo - assicura - e speriamo che altre Regioni ci possano accompagnare" su questa strada che "prevede anche l'eliminazione di questo odiosissimo tetto di spesa al personale dipendente che oggi si somma al fatto che già non ci sono medici e infermieri a sufficienza e in più molte Regioni hanno anche il limite di poterli assumere".

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

23/02/2024

Stili di vita, nutrizione, adeguata attività fisica e mentale e uso di specifici supplementi possono modificare i processi di invecchiamento e di...

23/02/2024

Almeno 2 persone su 10 non sanno cosa sia il Fuoco di Sant'Antonio e una su 2 dice di saperne poco.  Eppure, quasi 2 su 3 conoscono altri che ne hanno sofferto e il...

23/02/2024

Novo Nordisk ed Eli Lilly hanno preso il comando nella corsa per conquistare l’ampia fetta del mercato dei farmaci per la perdita di peso, che si prevede avrà un...

23/02/2024

L'assemblea dei soci di Acc, la Rete Oncologica Nazionale del ministero della Salute, ha confermato alla direzione generale, per i prossimi 5 anni, Paolo De Paoli,...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top