Login con

ospedali

06 Aprile 2023

Qualità ospedali, rendere pubblici gli indicatori di risultato non basta

Sebbene la motivazione complessiva e le forze di mercato svolgano un ruolo nel miglioramento della qualità degli ospedali, questi fattori non sono sufficienti per mantenere un livello di prestazioni elevato, secondo uno studio pubblicato su Health Affairs


Sebbene la motivazione complessiva e le forze di mercato svolgano un ruolo nel miglioramento della qualità degli ospedali, questi fattori non sono sufficienti per mantenere un livello di prestazioni elevato, secondo uno studio pubblicato su Health Affairs.
«In Germania la qualità ospedaliera viene misurata e resa pubblica dal 2004, anno dal quale a tutti gli ospedali per acuti è stato richiesto di riportare indicatori strutturali, di processo e di risultato, come parte di un programma nazionale di monitoraggio della qualità. Gli ospedali sono attualmente obbligato a presentare rapporti sulla qualità ogni anno» affermano Esra Eren Bayindir e Jonas Schreyögg, dell'Università di Amburgo, autori del lavoro. I ricercatori hanno esaminato la relazione tra rendicontazione pubblica e miglioramento della qualità in assenza di incentivi di pagamento legati alle prestazioni in un paese ad alto reddito. Per questo, hanno rivisto gli indicatori di qualità nel periodo dal 2012 al 2019, esaminando i dati per diversi servizi sanitari comuni eseguiti negli ospedali, tra cui protesi di anca e ginocchio, ulcere da decubito e parto. Gli autori hanno scoperto che, in media, gli ospedali con valutazioni di bassa qualità avevano maggiori probabilità di passare a una categoria di qualità superiore, ma anche che gli ospedali con valutazioni di alta qualità mostravano un tasso maggiore di passaggio a una categoria inferiore. Secondo gli autori, i risultati supportano l'idea che in Germania il reporting pubblico fornisca un importante punto di riferimento qualitativo, anche se il miglioramento della qualità non è stato ottenuto per alcuni indicatori, e non sempre è stato duraturo. I ricercatori raccomandano di rendere le informazioni sulla qualità ospedaliera più accessibili al pubblico, in particolare a coloro che hanno un'alfabetizzazione sanitaria limitata, e di promuoverne l'uso tra i medici di riferimento.
Inoltre, indicano che, oltre a premiare le istituzioni che lavorano meglio, sarebbe utile allineare gli incentivi di qualità con i valori professionali intrinseci della cura clinica per raggiungere miglioramenti nella qualità.

Health Affairs 2023. Doi: 10.1377/hlthaff.2022.00470
https://doi.org/10.1377/hlthaff.2022.00470

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

18/04/2024

CGM TELEMEDICINE, la divisione del Gruppo CompuGroup Medical Italia (CGM) Italia presenta, in occasione della partecipazione a Exposanità, i suoi innovativi software integrati con...

18/04/2024

Promuovere la consapevolezza sulle diverse dimensioni della salute della donna, dalla prevenzione alla salute riproduttiva, dall'accesso ai servizi sanitari all' equità di genere. È con questo...

18/04/2024

Le note dell’arancia amara rimandano ai ricordi lontani, così come quelle fresche del neroli o del petit grain delle foglie. Con l’intento di risvegliare la memoria olfattiva condivisa da...

18/04/2024

Le malattie cardio, cerebro e  vascolari, che rappresentano ancora oggi la prima causa di mortalità  in Italia con oltre 216.000 decessi nel 2021 pari al 31% dei decessi  complessivi avvenuti...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top