Login con

ospedali

28 Febbraio 2024

Steatosi epatica, due centri italiani in una task force europea

Nasce una task-force europea per accendere i riflettori e mettere un freno al 'fegato grasso', patologia che interessa il 30% della popolazione su diversi livelli di gravità. Si tratta di un consorzio, finanziato da Innovative Health Initiative Joint Undertaking


Steatosi epatica, due centri italiani in una task force europea

Nasce una task-force europea per accendere i riflettori e mettere un freno al 'fegato grasso', patologia che interessa il 30% della popolazione su diversi livelli di gravità. Si tratta di un consorzio, finanziato da Innovative Health Initiative Joint Undertaking, una partnership pubblico-privata, di cui fanno parte (unici centri italiani) l'Università Cattolica del Sacro Cuore e la Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli Irccs.  Il consorzio nell'arco dei prossimi quattro anni porterà avanti il progetto Griponmash, che recluterà 10 mila pazienti, con questi obiettivi: diffondere le conoscenze sui rischi del 'fegato grasso', mettere a punto strumenti diagnostici non invasivi, scoprire nuovi biomarcatori diagnostici e personalizzare i consigli di stile di vita da offrire ai pazienti. Chiamata un tempo 'steatosi epatica' e oggi Mash (steatoepatite associata a dismetabolismo), la patologia si manifesta con l'accumulo di grasso nel fegato.

A essere affetto da epatopatia steatosica (Masld) è il 30% della popolazione; tra queste persone, 1 su 5 progredirà verso una Mash, una forma caratterizzata da una forte infiammazione del fegato che finisce per danneggiare questo prezioso organo; nel 5% dei casi questi pazienti svilupperanno una forma ancora più seria di Mash, quella fibrotica appunto. "In questo momento - rivela Luca Miele, docente di Epatologia dell'Università Cattolica del Sacro Cuore - non sono disponibili farmaci specifici contro la Mash, anche se sono in avanzata fase di sviluppo diverse terapie (alcune delle quali in sperimentazione anche qui al Gemelli), che stanno dando risultati molto promettenti. Quindi l'unico modo per fare prevenzione e per trattare questi problemi è aderire a un sano stile di vita: dieta mediterranea, attività fisica costante, niente alcol; da evitare le bevande zuccherate, grassi animali, carni rosse e ultra-processate (come insaccati e salsicce)".

TAG: EPATOLOGIA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

18/07/2024

La lista dei nuovi medicinali contro l'obesità potrebbe presto allungarsi. Roche ha, infatti, annunciato i dati di uno studio di fase I su un nuovo farmaco orale, da assumere una volta al giorno,...

18/07/2024

Rigenerare il cuore dopo un infarto, stimolando la formazione di nuovo tessuto e nuovi vasi sanguigni attraverso un farmaco '2 in 1' a base di Rna, così da restituire piena funzionalità al nostro...

18/07/2024

Nell'ultima campagna di vaccinazione contro Covid-19, si è vaccinato solo il 10,2% degli over 60, con valori compresi tra il 19,2% della Toscana e l'1,8% della Sicilia. La campagna antinfluenzale...

18/07/2024

La telemedicina offre chiari vantaggi sia per i pazienti che per gli operatori sanitari. L’OMS/Europa pubblica lo “Strumento di sostegno per rafforzare la telemedicina” mira a sostenere i...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top