Login con

Medicina

10 Gennaio 2024

Pronto soccorso, Foce: situazione da incubo e corsie sotto assedio

I Pronto Soccorso sono da incubo e le corsie ospedaliere sono ‘sotto assedio’, con molte centinaia di pazienti in attesa di trasferimento in reparti di degenza ordinaria o di terapia intensiva, tempi che possono durare anche diversi giorni. Lo sottolinea una nota della Federazione degli Oncologi, Cardiologi ed Ematologi


Pronto soccorso, Foce: situazione da incubo e corsie sotto assedio

I Pronto Soccorso sono da incubo e le corsie ospedaliere sono ‘sotto assedio’, con molte centinaia di pazienti in attesa di trasferimento in reparti di degenza ordinaria o di terapia intensiva, tempi che possono durare anche diversi giorni. Lo sottolinea una nota della Federazione degli Oncologi, Cardiologi ed Ematologi, Foce esprimendo tutta la preoccupazione e lo sconcerto per questa allarmante situazione e per la mancanza di qualsiasi programmazione ed organizzazione di una campagna vaccinale già difficile ed evidenziando lo spreco di risorse pubbliche, dovuto al mancato utilizzo di enormi quantità di dosi vaccinali già acquistate dallo Stato.
Ma, al di là della carenza cronica di posti letto ospedalieri e di personale medico ed infermieristico, qual è ora la causa principale di questa situazione? Si domandano gli specialisti Foce. Certamente la combinazione delle acuzie prodotte contemporaneamente dall’infezione Covid e dall’influenza.

Per quel che riguarda la prima, il livello dei contagi da settembre-ottobre a oggi è in crescente aumento. Inoltre, va considerato che i dati sulle persone positive non riflettono le reali dimensioni dell’infezione Covid, perché non tutti i cittadini si sottopongono ai test e molti che lo fanno non sono documentabili.
Ma ciò che è certo e che ci rende estremamente preoccupati è l’aumento progressivo della mortalità da Covid, che non si è mai arrestata negli ultimi 6 mesi. Nel 2023, da 40-50 decessi alla settimana a luglio/agosto si è passati a 150 morti a ottobre, a 290 a novembre, a 425 a fine dicembre per arrivare, nel 2024, a 371 in quest’ultima settimana.
È evidente, continua il comunicato, che non è vero quanto affermato da qualcuno a fine luglio, cioè che la pandemia Covid “era finita nei numeri”. Il virus non è mai scomparso. D’altra parte, lo stesso termine ‘pandemia’ contraddice clamorosamente un’affermazione del genere: ebbene sarà pure finita la fase pandemica vera e propria, ma fatto sta che il virus continua a circolare a livelli elevati ed il carico di malattia che determina si è andato ad aggiungere a quello di un’influenza, quest’anno particolarmente contagiosa ed aggressiva. Affermazioni del genere ed altre hanno quindi ingenerato nella popolazione la convinzione che tutto fosse passato. Abbiamo assistito a una totale rimozione del SARS-CoV-2, è come se il virus fosse stato dimenticato. Di conseguenza la campagna vaccinale è stata del tutto insoddisfacente. Dall’inizio della campagna autunno-inverno al 4 gennaio 2024, nel nostro Paese sono stati vaccinati appena 1.927.035 cittadini; in particolare il 13,6% degli ultraottantenni, il 10,3% della fascia di età tra 70-79 anni e solo il 4,7% dei cittadini tra i 60-69 anni. Le vaccinazioni sono crollate da un picco, diciamo così, di 256 mila nella settimana dal 14 al 21 dicembre 2023, a 75 mila nella settimana successiva a solo 59 mila negli ultimi 7 giorni. Toscana, Emilia-Romagna e Lombardia continuano ad essere le Regioni in cui si concentra la maggior parte delle dosi somministrate nell’ambito della campagna, mentre tutte le Regioni del Sud, Lazio, Marche e Abruzzo hanno prodotto numeri infimi.
La crisi attuale acutissima dei Pronto Soccorso, conclude il Consiglio Direttivo della FOCE, è quindi anche dovuta alla fiacca ed insufficiente campagna vaccinale sull’influenza, con dati di copertura estremamente inferiori rispetto agli anni precedenti. Si registra anche l’effetto negativo dell’allentamento delle misure e degli strumenti di distanziamento e delle mascherine, che concorrono come causa di questa tragedia che sta colpendo ulteriormente la nostra Sanità. A farne le spese sono i più anziani e i pazienti fragili, anche affetti dalle patologie di nostro interesse, sottolineano.

TAG: PRONTO SOCCORSO

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

18/07/2024

La lista dei nuovi medicinali contro l'obesità potrebbe presto allungarsi. Roche ha, infatti, annunciato i dati di uno studio di fase I su un nuovo farmaco orale, da assumere una volta al giorno,...

18/07/2024

Rigenerare il cuore dopo un infarto, stimolando la formazione di nuovo tessuto e nuovi vasi sanguigni attraverso un farmaco '2 in 1' a base di Rna, così da restituire piena funzionalità al nostro...

18/07/2024

Nell'ultima campagna di vaccinazione contro Covid-19, si è vaccinato solo il 10,2% degli over 60, con valori compresi tra il 19,2% della Toscana e l'1,8% della Sicilia. La campagna antinfluenzale...

18/07/2024

La telemedicina offre chiari vantaggi sia per i pazienti che per gli operatori sanitari. L’OMS/Europa pubblica lo “Strumento di sostegno per rafforzare la telemedicina” mira a sostenere i...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top