Login con

Farmaci

27 Gennaio 2023

Spesa farmaceutica ospedaliera primi 9 mesi 2022 sfora di due miliardi il tetto. Il punto Aifa

Nel periodo gennaio-settembre 2022 in Italia la spesa farmaceutica per acquisti diretti 'sfora' di poco più di 2 miliardi il tetto programmato del 7,65% e si attesta a 9,2 miliardi di euro registrando un'incidenza del 9,86% sul Fondo sanitario nazionale. È quanto emerge dal monitoraggio Aifa relativo ai dati di spesa nazionale e regionale nei primi 9 mesi del 2022


Spesa farmaceutica ospedaliera primi 9 mesi 2022 sfora di due miliardi il tetto. Il punto Aifa

Nel periodo gennaio-settembre 2022 in Italia la spesa farmaceutica per acquisti diretti (ex 'ospedaliera') 'sfora' di poco più di 2 miliardi il tetto programmato del 7,65% e si attesta a 9,2 miliardi di euro - al netto dei gas medicinali - registrando un'incidenza del 9,86% sul Fondo sanitario nazionale. È quanto emerge dal monitoraggio dell'Agenzia italiana del farmaco (Aifa) relativo ai dati di spesa nazionale e regionale nei primi 9 mesi del 2022, pubblicato online.

Nell'arco temporale considerato la spesa per i medicinali innovativi non oncologici che accedono al fondo del ministero della Salute, per le sole indicazioni innovative al netto dei payback, è stata pari a 254,4 milioni di euro, mentre quella per i medicinali innovativi oncologici è stata di 397,5 milioni.
In generale la spesa farmaceutica complessiva a livello nazionale si è attestata a 15,3 miliardi, evidenziando uno scostamento assoluto rispetto alle risorse complessive del 14,8%, pari a circa 1,4 miliardi. Un dato corrispondente a un'incidenza percentuale sul Fsn provvisorio 2022 del 16,4%.

Nello stesso periodo la spesa farmaceutica convenzionata in Italia è salita a oltre 5,9 miliardi, pari all'1,6% in più rispetto allo stesso periodo del 2021.
Ma non sfora il tetto della spesa territoriale, restando sotto di 589 milioni (la spesa programmata è fissata al 7% del Fondo sanitario nazionale e quella del 2022 si è fermata al 6,3%). Secondo il report, la spesa farmaceutica convenzionata netta (cioè quella che le Regioni di fatto sostengono, al netto degli sconti versati dalle farmacie e di tutti i tipi di compartecipazione e anche del payback 1,83% versato alle Regioni dalle ditte) è cresciuta dell'1,4% rispetto allo stesso periodo del 2021 ed è stata pari a oltre 5,7 miliardi di euro, cioè 77,2 milioni in più. In lieve aumento i consumi, espressi in numero di ricette: queste ultime sono a quota 419,3 milioni, pari al 2,3% in più rispetto al 2021. Anche l'incidenza del ticket totale mostra una lieve crescita nel 2022: i grafici riportano una cifra pari a 1,1 miliardi, l'1,7% in più rispetto agli stessi mesi del 2021.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

14/06/2024

Sono state oggetto di dibattito al Congresso europeo della European Association for the Study of the Liver le iniziative dell'Associazione Italiana per lo Studio del Fegato (Aisf). All'evento hanno...

14/06/2024

È stato rinnovato il protocollo d’intesa tra Egualia, Fondazione Banco Farmaceutico ETS e Fofi per il 2024 che sosterrà cinque enti assistenziali. L’accordo prevede la distribuzione gratuita di...

14/06/2024

Named Group, polo italiano della salute naturale, nato nel 2022 dall'integrazione di 10 aziende e con quartier generale a Bussolengo, acquisisce Laboratorio Italiano Fermentati, impresa italiana...

14/06/2024

Il comitato di esperti della Fda ha dato parere favorevole a un nuovo medicinale per l'Alzheimer e le demenze a livello ancora lieve o moderato. Il prodotto della Eli Lilly se autorizzato...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top