Login con

Pharma

02 Febbraio 2024

Farmaceutica, per Sanofi calo degli utili ma vendite in crescita

Il gruppo farmaceutico francese Sanofi archivia il 2023 con un utile netto pari a 5,4 miliardi euro, in calo del 35,5% rispetto al 2022. Il fatturato segna invece un +0,2% a 43,1 miliardi (+5,3% a tassi di cambio costanti), con una crescita più decisa nel quarto trimestre


Il gruppo farmaceutico francese Sanofi archivia il 2023 con un utile netto pari a 5,4 miliardi euro, in calo del 35,5% rispetto al 2022. Il fatturato segna invece un +0,2% a 43,1 miliardi (+5,3% a tassi di cambio costanti), con una crescita più decisa nel quarto trimestre (+9,3% a cambi costanti, a 10,9 miliardi). L'utile per azione (Eps) 2023 scende del 35,6% a 4,3 euro, mentre l'Eps aziendale che esclude effetti eccezionali mostra una flessione dell'1,8% a 8,1 euro, ma a cambi costanti sale del 5,4%. Più o meno le stesse variazioni riporta l'utile netto aziendale, pari a 10,2 miliardi. I risultati sono stati annunciati oggi dal gigante parigino che propone un dividendo di 3,76 euro, in aumento del 5,6%.
"Il 2023 è stato un anno fondamentale nel nostro percorso per diventare un'azienda biofarmaceutica orientata allo sviluppo e spinta dalla tecnologia, impegnata a servire i pazienti e ad accelerare la crescita", commenta il Ceo Paul Hudson che punta l'accento sulle “ottime performance" dei settori Specialty Care e Vaccines. "Con un flusso di notizie scientifiche ai massimi storici, progressi in cantiere e 12 potenziali farmaci di successo in fase di sviluppo avanzato, la nostra trasformazione in Ricerca & Sviluppo ha raggiunto un punto di svolta sulla strada verso la leadership nell'immunologia", aggiunge l'amministratore delegato. "Guardando al futuro, restiamo impegnati a investire in R&S per sfruttare appieno il valore della nostra pipeline, basata sull'intelligenza artificiale su larga scala, e continuiamo a concentrarci sulle opportunità di lancio previste. Al contempo stiamo adottando misure per diventare un’azienda biofarmaceutica pura", conclude Hudson, prospettando che entro il 2030 i lanci farmaceutici contribuiranno alle vendite per oltre 10 miliardi.
Per l'esercizio in corso Sanofi prevede un Eps aziendale pressoché stabile, escludendo l'impatto dell'aumento previsto dell’aliquota fiscale al 21%. Considerandolo, per lo stesso parametro il gruppo si aspetta un calo a singola cifra a tassi di cambio costanti.

TAG: AZIENDE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

29/02/2024

UCB Pharma ha deciso di supportare l’iniziativa “ColorUp4RARE”, ideata da EURORDIS – Malattie Rare Europa, Associazione europea che ha istituito questa...

29/02/2024

In occasione della Giornata Mondiale delle Malattie Rare 2024, Sanofi lancia la sua campagna “La Ricerca più Preziosa” volta a dare il proprio contributo di...

29/02/2024

Il gruppo chimico-farmaceutico Zambon con sede a Bresso nel Milanese, attraverso la controllata elvetica Zambon Biotech, ha siglato con la statunitense Amneal...

29/02/2024

L’Emilia-Romagna è stata considerata fino ad oggi una tra le regioni italiane all’avanguardia nel campo della terapia con radioligandi (RLT), che rappresenta...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top