Login con

Eventi

20 Ottobre 2023

Winning Women Institute, le aziende premiate per l’impegno sulla parità di genere

Successo di partecipazione e ospiti d’eccellenza per la prima edizione degli Winning Women Institute Awards, l’evento si è tenuto a Milano nel pomeriggio del 16 ottobre.


 Si è chiusa con un grande successo di partecipazione la prima edizione di “Winning Women Institute Awards”. Oltre centoventi persone tra CEO e HR Director hanno assistito alla premiazione delle cinque aziende che quest’anno hanno ottenuto la Gender Equality Certification di Winning Women Institute: Amplifon, Barabino & Partners, Chubb Italia, Decathlon Produzione Italia, Yakult Italia e di sette realtà che con l’accompagnamento di Winning Women Institute hanno conseguito la Certificazione UNI/PdR 125:2022: Danone, Guna, Kpmg, Ipsen, Minsait Italia, Ortho Clinical Diagnostics Italy ora QuidelOrtho, Sanofi Italia.

Paola Corna Pellegrini, Presidente di Winning Women Institute ha fatto un’analisi della situazione: “Misurare lo stato di salute in termini di parità di genere è importante perché sottolinea il valore di risultati concreti, frutto di azioni, processi, procedure, sistemi di controllo. Attualmente, in Italia, le aziende certificate UNI PdR/ 125:2022, secondo i dati del Dipartimento delle Pari Opportunità, sono 588 e l’obiettivo del PNRR è quello di arrivare ad averne certificate mille. È chiaro, comunque, che ci sia ancora molta strada da fare, soprattutto perché il nostro Paese, secondo i dati del Global Gender Gap di World Economic Forum, è scivolato dal 63° posto nel 2022 al 79° posto su 146 Paesi nel 2023. È necessaria quindi un’accelerazione, che deve necessariamente coinvolgere le piccole medie imprese. Il tessuto imprenditoriale italiano è composto da 4milioni e settecentomila aziende di cui 4milioni e duecentomila sono PMI, ma manca la pubblicazione dei bandi per gli organismi di certificazione per ottenere i finanziamenti per le aziende fino a 50 dipendenti che, secondo il punto 5 del PNRR, è previsto che debbano avere la copertura delle spese di consulenza e certificazione, un aspetto questo che agevolerebbe, e non poco, la scelta di certificarsi”.
Un momento clou della serata è stato l’intervento di Gianluca Dradi, Preside del Liceo Artistico di Ravenna al quale si deve il congedo mestruale per le ragazze afflitte da dismenorrea, l’inserimento del registro alias, per consentire agli studenti di sostituire, nel registro elettronico, il nome anagrafico con quello d’elezione, più coerente con l’identità di genere scelta, oltre che la creazione di una nursery nel suo Liceo per andare incontro a una studentessa che, avendo appena partorito, senza gli adeguati servizi avrebbe dovuto rinunciare agli studi per fare la mamma. Dradi, da settembre collaboratore del MiUR, ha auspicato che la Certificazione di Parità di Genere possa essere applicata agli istituti scolastici per portare anche all’interno delle scuole una cultura di pari opportunità che farà solo bene alla società del futuro.

TAG: GENDER EQUALITY

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

21/02/2024

Condividere conoscenze e strategie innovative per alzare sempre di più l’asticella nel Settore Sanitario Italiano. Con questa ambizione nasce il progetto "Grandi...

21/02/2024

'Per quanto riguarda la dengue, la situazione è sotto controllo. Siamo allertati, stiamo facendo tutto ciò che necessario, però per il momento siamo tranquilli"....

20/02/2024

Si riduce l'uso del preservativo nei giovani tra gli 11 e i 24 anni. È uno dei dati che emerge dall’Osservatorio annuale 'Giovani e sessualità' - che Durex...

20/02/2024

L'Fda americana ha approvato, con procedura accelerata, una nuova terapia cellulare contro il melanoma. La terapia (denominata lifileucel, nome commerciale Amtagvi)...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top