Login con

Medici

04 Ottobre 2023

Professioni sanitarie, stipendi iniziali elevati e occupazione garantita. I dati Alma Laurea

La scelta di esercitare una professione sanitaria – dall’infermiere al fisioterapista, dall’ostetrica al tecnico – è premiante. A un anno dalla fine del triennio in media è occupato l’80% circa di chi ha conseguito la laurea breve. E ha uno stipendio mensile in media più alto degli altri professionisti


Professioni sanitarie, stipendi iniziali elevati e occupazione garantita. I dati Alma Laurea

La scelta di esercitare una professione sanitaria – dall’infermiere al fisioterapista, dall’ostetrica al tecnico – è premiante. A un anno dalla fine del triennio in media è occupato l’80% circa di chi ha conseguito la laurea breve. E ha uno stipendio mensile in media più alto degli altri professionisti. Le tabelle di Alma Laurea, anticipate ad un convegno all’Università di Palermo quest’estate, riguardano i laureati delle 22 professioni sanitarie. Nel 2021, ad un anno, ha trovato lavoro l’84,1% degli assistenti sanitari, l’81,2% dei terapisti della neuropsicomotricità dell’età evolutiva, l’81% degli igienisti dentali e l’80,6% degli infermieri. Meno bene invece i dietisti (starebbe lavorando solo il 52,9%), i tecnici di fisiopatologia cardiocircolatoria (54,9% di occupati nel 2022) le ostetriche (70,2% di occupate), i tecnici audioprotesisti (71%, in più marcato calo degli altri e vedremo perché) e gli ortottisti (72,3%). In mezzo, le altre professioni.
Due avvertenze. Il dato degli occupati comprende anche chi si è iscritto al biennio della laurea magistrale una volta conseguita la laurea breve: una percentuale bassa ma non minima e che varia in ognuna delle professioni sanitarie. I trend percentuali non devono essere l’unico criterio per giudicare le tendenze delle professioni: alcune come l’infermieristica si muovono su volumi di 15 mila neolaureati l’anno, altre –la maggioranza – sono intorno al migliaio.
Se però il numero di laureati è cresciuto in termini assoluti del 6% (da 164 mila a 167.400) nelle professioni sanitarie parliamo di 16.856 laureati nel 2021, e di questi sono stati intervistati 11.720, affermando di essere occupati in 9.205: una cifra che corrisponde ad un decremento del 2,4% rispetto all’anno precedente. Del 78,6% di occupati complessivi tra i professionisti sanitari, un 5,2% è ora alle prese con il biennio di laurea magistrale. E lavora come gli altri laureati.
Pur essendo una “sicurezza”, le professioni sanitarie in questi primi anni Venti sono stabili o in calo rispetto ad altre aree a cominciare dalla giuridica (+11% di occupati). Gli altri laureati però partivano da tassi di occupazione quasi di metà rispetto alle lauree sanitarie. Nel complesso se nel 2020 a fronte di 115 mila rispondenti avevamo 45.130 occupati, l’anno dopo sono saliti a 46.714. «I cali più marcati – riporta Angelo Mastrillo segretario della Conferenza Nazionale delle Professioni sanitarie – si registrano in area infermieristica: -4,4 punti percentuali, si scende dall’ 84,3% al 79,9%; lieve calo per le professioni della Riabilitazione con -1,0 punti percentuali, dal 78,9% del 2020 al 77,9% del 2021. Al contrario è più alta l’occupazione, (+2,5%), per l’area tecnica con una percentuale salita dal 71,6% al 74,1% e soprattutto per l’area della Prevenzione, di ben +10,5 punti percentuali, dal 66,3% del 2020 al 76,8% del 2021».
L’indagine Alma Laurea dà anche le medie degli occupati negli ultimi 15 anni, da quando, cioè, sono partite le rilevazioni. Bene soprattutto igienisti dentali e logopedisti, con un tasso medio di occupazione dell’86%, seguiti da fisioterapisti con l’84%, tecnici audioprotesisti con l’83% ed educatori professionali con l’81%. Come facilità all’occupazione in realtà ogni professione segue un suo trend, ad esempio i tecnici di fisiologia cardiocircolatoria trovano posto al 40%, le ostetriche al 53%, i tecnici di laboratorio al 49%. Ma nelle tabelle Alma Laurea si possono rinvenire annate buone o “nere” in comune: intorno al 2010-2012 tra blocchi dei contratti e del turnover si sono registrati crolli occupazionali, un po’ in tutte le professioni avveniva di scendere fino al 2017 al 60-70% con picchi per i tecnici di laboratorio che tra 2010 e 2017 si sono trovati quattro volte sotto il 40% (35% nel 2015 e 2017) e i tecnici di fisiologia respiratoria scesi sotto il 30% nel 2012, anno in cui pure le ostetriche erano occupate al 39%. In apparenza deludenti per alcune professioni tecniche, i dati di quest’anno sono dunque invece migliorativi rispetto ad un passato recente.
“Dulcis” in fundo: l’indagine confronta anche gli stipendi degli occupati nelle professioni sanitarie con le altre aree. E dopo un anno sono i migliori, 1559 euro netti mensili contro 1426 dei laureati in discipline informatiche che hanno trovato posto, i 928 dei laureati in discipline scientifiche, 1122 di quelli in discipline economiche, 1322 dei laureati in discipline giuridiche. I più poveri tra gli intervistati sono con 798 euro i laureati in scienze motorie e sportive. Altra cosa è vedere come si evolvono negli anni successivi gli stipendi medi desiderati, se c’è o no chance di carriera.

TAG: ALMALAUREA, STIPENDIO

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

19/07/2024

Il glioblastoma è il tumore cerebrale più aggressivo con un tasso di sopravvivenza a lungo termine inferiore al 2%. Nonostante la ricerca, la prognosi rimane infausta, ma nuove prospettive possono...

19/07/2024

Passi in avanti nella lotta contro il tumore grazie al lavoro dei ricercatori dell'Irst di Meldola, nel forlivese. Una nuova tripletta di farmaci potrebbe cambiare lo standard di cura dei pazienti...

19/07/2024

Dai problemi legati agli aspetti sociali a quelli in ambito familiare, come il rapporto con i figli o la sessualità, fino agli aspetti correlati al mondo del lavoro e all’inserimento...

19/07/2024

Nella perdurante assenza di una legge che regoli la materia, i requisiti per l'accesso al suicidio assistito restano quelli stabiliti dalla sentenza n. 242 del 2019, compresa la dipendenza del...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top