Login con

Intervista

09 Agosto 2023

Piano vaccinale, Siliquini (Siti): approvazione importante ora incentivare vaccinazioni

Grande soddisfazione per l’adozione del Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale 2023-2025 da parte della Conferenza Stato-Regioni, che ha fatto seguito all’approvazione del Ministero della Salute. A esprimerla intervistata da Sanità33,  Roberta Siliquini, Presidente della Società Italiana d’Igiene (SItI)


Piano vaccinale, Siliquini (Siti): approvazione importante ora incentivare vaccinazioni

Grande soddisfazione per l’adozione del Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale 2023-2025 da parte della Conferenza Stato-Regioni, che ha fatto seguito all’approvazione del Ministero della Salute. A esprimerla intervistata da Sanità33,  Roberta Siliquini, Presidente della Società Italiana d’Igiene (SItI). “Una decisione che attendevamo da tempo – dichiara. La sua adozione è importantissima perché si declina in un contesto europeo e mondiale che ha già due documenti importanti: il piano d'azione europeo per la vaccinazione 2015-2020 e l'agenda dell'Oms per l'immunizzazione 2030. Tutti questi documenti cercano di porre al centro dei piani sanitari delle nazioni le vaccinazioni e il valore cruciale dei servizi di immunizzazione. Valore che è legato alla prevenzione che spesso purtroppo nei servizi sanitari nazionali è quella che vede il minor numero di risorse impegnate”.   

     

Vi sono importanti novità e molti obiettivi rafforzati, rispetto al Piano precedente. “Questo Piano nazionale prevenzione vaccinale si riferisce ad alcuni elementi che erano già presenti nello scorso piano ma che non sono stati sufficientemente declinati negli anni. In primis, la disomogeneità tra le procedure e le offerte vaccinali nelle diverse regioni, c'è poi la problematica dell’anagrafe vaccinale e del mancato raggiungimento per alcune vaccinazioni dei valori target nonché delle coperture vaccinali mancate, in parte dovuto anche ai ritardi che si sono susseguiti dopo la pandemia”, evidenzia Siliquini. Tra i principali obiettivi,  ci sono: “Il mantenimento dello stato di polio free che ormai abbiamo raggiunto da molti anni; il raggiungimento dell'eliminazione di morbillo e rosolia; il rafforzamento della prevenzione delle patologie correlate all'Hpv per il quale esiste un vaccino con coperture particolarmente basse nel nostro Paese; il rafforzamento della comunicazione ai cittadini e la formazione degli operatori sanitari sia alla cultura vaccinale che alla vaccinologia. Come caratteristica nuova del Piano – aggiunge – è stata riservata particolare attenzione ai pazienti ad alto rischio per patologie concomitanti”. 

Ora spetta alle Regioni attuare i Piani vaccinali, “spero vada tutto liscio”, dice Siliquini. “Ci sono alcune Regioni già attrezzate, ina assenza di un piano nazionale, che devono fare una revisione di quelli che sono gli attuali standard e gli obiettivi”. Uno degli aspetti su cui le Regioni devono fare “particolarmente attenzione” riguarda l’antimicrobico resistenza. “È un problema rilevantissimo per la nostra nazione, siamo uno dei Paesi a più elevato tasso di antimicrobico resistenza, ma sappiamo anche che la vaccinazione contro alcune patologie riduce l'utilizzo di antibiotici. Quindi l'importanza di questo piano sta anche nel fatto di legare l'antimicrobico resistenza alle buone pratiche vaccinali”.  

TAG: PIANO VACCINALE, VACCINI

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

15/07/2024

Johnson & Johnson ha voluto promuovere, insieme ai diversi interlocutori del sistema Salute della Regione Lazio, un’iniziativa finalizzata ad individuare proposte in ambito organizzativo e...

15/07/2024

È disponibile in Italia per le persone con diabete, a partire dai 2 anni di età, il sensore FreeStyle Libre 2 Plus. Il sistema, che dura 15 giorni annuncia in una nota Abbott permette, con...

15/07/2024

La Commissione Europea, tramite HERA l'Autorità per la risposta alle emergenze sanitarie, ha presentato alla Critical Medicines Alliance un rapporto tecnico che valuta le vulnerabilità della catena...

15/07/2024

Se interrogati sul futuro della sanità, i giovani italiani puntano i riflettori sul superamento delle differenze, a partire da quelle socioeconomiche ritenute da 7 su 10 ‘under 30’ come la causa...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top