Login con

Intervista

04 Luglio 2023

Sanità, fuga pazienti nel privato. Mallarini (Bocconi): Necessaria riforma strutturale del sistema

Dalla carenza di medici e infermieri all’assenza di una riforma strutturale, dalle difficoltà dei sistemi di erogatori accreditati ai pochi fondi della sanità integrativa. Questi i principali problemi analizzati da Erika Mallarini, Associate Professor of Practice di Government, Health and Not for Profit presso SDA Bocconi School of Management, per Sanità33


Sanità, fuga pazienti nel privato. Mallarini (Bocconi): Necessaria riforma strutturale del sistema

Dalla carenza di medici e infermieri all’assenza di una riforma strutturale, dalle difficoltà dei sistemi di erogatori accreditati ai pochi fondi della sanità integrativa. Questi i principali problemi analizzati da Erika Mallarini, Associate Professor of Practice di Government, Health and Not for Profit presso SDA Bocconi School of Management, per Sanità33, che stanno portando ad una fuga dei pazienti nel privato. “Non c'è un’inefficienza nel sistema o una volontà del pubblico di fare un passo indietro – chiarisce Mallarini - ma la necessità di sfruttare tutte e due le componenti: la componente finanziaria pubblica e la componente finanziaria privata. Quindi passare da un sistema che si basava sul principio dell'uguaglianza a un sistema che si basa sul principio dell'equità”. 



Altro punto analizzato dall’esperta “che spesso si confonde parlando di privato” è quando “ci si riferisce al privato non come risorse finanziarie private ma a strutture private che erogano prestazioni”. Mallarini spiega, infatti, che “abbiamo sia strutture private che erogano prestazioni per conto del pubblico, quindi, sono da considerare pubbliche, che strutture private che effettivamente stanno aumentando in questo periodo proprio perché aumenta il fabbisogno”. Per l’esperta, dunque, “la situazione è sicuramente grave come è grave anche negli altri Paesi europei, ma ci vuole il coraggio di fare una riforma. Le due realtà, pubblico e privato, devono parlarsi anche se è difficile perché esistono dei forti preconcetti da una parte e dall'altra, ma è necessario che si faccia”. “Le riforme chiaramente richiedono consenso e pensare che dobbiamo co-finanziare il sistema sanitario per noi è estremamente difficile”, ma per Mallarini è la soluzione per la situazione attuale.  

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

15/07/2024

Johnson & Johnson ha voluto promuovere, insieme ai diversi interlocutori del sistema Salute della Regione Lazio, un’iniziativa finalizzata ad individuare proposte in ambito organizzativo e...

15/07/2024

È disponibile in Italia per le persone con diabete, a partire dai 2 anni di età, il sensore FreeStyle Libre 2 Plus. Il sistema, che dura 15 giorni annuncia in una nota Abbott permette, con...

15/07/2024

La Commissione Europea, tramite HERA l'Autorità per la risposta alle emergenze sanitarie, ha presentato alla Critical Medicines Alliance un rapporto tecnico che valuta le vulnerabilità della catena...

15/07/2024

Se interrogati sul futuro della sanità, i giovani italiani puntano i riflettori sul superamento delle differenze, a partire da quelle socioeconomiche ritenute da 7 su 10 ‘under 30’ come la causa...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top