Login con

sanità

14 Febbraio 2023

Screening neonatale, 10 malattie rare in attesa. Ecco quali

Lo screening di malattie rare alla nascita è uno strumento importante per la diagnosi precoce di condizioni che, altrimenti, potrebbero portare a un esito infausto o a gravi disabilità. "L'Italia, insieme agli Stati Uniti, è il Paese dove si ricercano più patologie, ben 48". A fare il punto è stato Andrea Pession, presidente Società di Malattie Metaboliche Ereditarie e Screening Neonatale


Lo screening di malattie rare alla nascita è uno strumento importante per la diagnosi precoce di condizioni che, altrimenti, potrebbero portare a un esito infausto o a gravi disabilità. "L'Italia, insieme agli Stati Uniti, è il Paese dove si ricercano più patologie, ben 48. Ma allargando il panel ad altre 10 si potrebbe dare questa opportunità anche a bimbi affetti da altre gravi malattie", superando le tante differenze regionali oggi esistenti. A fare il punto è stato Andrea Pession, presidente Società di Malattie Metaboliche Ereditarie e Screening Neonatale (Simmsen), durante la presentazione del "Quaderno Screening neonatali estesi", realizzato dall'Osservatorio Malattie Rare (Omar).

Inizialmente limitati a tre condizioni, gli screening neonatali sono stati estesi, in Italia, grazie alla legge 167 del 2016, riconosciuta come fiore all'occhiello del nostro Paese. Di passi avanti ne sono stati fatti tanti. "I laboratori sono passati dai 30 iniziali a 15, coprendo un bacino di 25.000 nati ciascuno. La copertura ottimale sarebbe però di 60.000 neonati, dunque si può efficientare ancora", spiega Giancarlo la Marca, direttore del Laboratorio Screening Neonatale Allargato dell'Ospedale Meyer di Firenze. Oltre agli screening già previsti, emerge però dall'indagine Omar, ci sono 10 altre malattie che hanno le carte in regola per lo screening, tra cui l'atrofia muscolare spinale (Sma), le malattie di Fabry, Gaucher, Pompe, mucopolisaccaridosi di tipo I e l'immunodeficienza Ada Scid. Questo permetterebbe di individuarle precocemente e somministrare prima terapie in grado di salvare la vita o ridurre le disabilità.
Nell'attesa dell'aggiornamento del panel nazionale, 16 Regioni si sono mosse da sole. A guidare la classifica di quelle che hanno ampliato il numero di condizioni rare ricercate c'è la Puglia con 10 patologie in più rispetto a quanto previsto a livello nazionale; a seguire Abruzzo (7), Veneto, Friuli-Venezia Giulia e Toscana (5). "Questo è lodevole - commenta Ilaria Ciancaleoni Bartoli, presidente Omar - ma ha portato a importanti differenze regionali che vanno superate per garantire che i neonati abbiano tutti gli stessi diritti. Auspichiamo al più presto un aggiornamento del panel".

TAG: SANITà GOVERNO

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

23/02/2024

Stili di vita, nutrizione, adeguata attività fisica e mentale e uso di specifici supplementi possono modificare i processi di invecchiamento e di...

23/02/2024

Almeno 2 persone su 10 non sanno cosa sia il Fuoco di Sant'Antonio e una su 2 dice di saperne poco.  Eppure, quasi 2 su 3 conoscono altri che ne hanno sofferto e il...

23/02/2024

Novo Nordisk ed Eli Lilly hanno preso il comando nella corsa per conquistare l’ampia fetta del mercato dei farmaci per la perdita di peso, che si prevede avrà un...

23/02/2024

L'assemblea dei soci di Acc, la Rete Oncologica Nazionale del ministero della Salute, ha confermato alla direzione generale, per i prossimi 5 anni, Paolo De Paoli,...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top