Login con

Medicina

22 Dicembre 2023

Dolore cronico, ne soffrono due adulti su 10. Il rapporto Censis

Il 1° Rapporto Censis-Grünenthal «Vivere senza dolore», presentato ieri a Roma da Francesco Maietta del Censis e discusso da Laura Premoli, General manager Grünenthal Italia, alla presenza delle istituzioni


Gli italiani e il dolore cronico, ne soffrono due persone su dieci. È quanto emerge dal 1° Rapporto Censis-Grünenthal «Vivere senza dolore», presentato ieri a Roma da Francesco Maietta del Censis e discusso da Laura Premoli, General manager Grünenthal Italia, alla presenza delle istituzioni. Secondo lo studio, il 19,7 % degli italiani maggiorenni, ben 9,8 milioni, convivono con un dolore cronico di intensità moderata o severa. Questo determina elevati costi sociali per quasi 62 miliardi l’anno, sia in termini di spese sanitarie dirette a carico del SSN, sia in termini di spese indirette e mancata produttività. A soffrire di dolore cronico sono soprattutto le donne, 21%, rispetto al 18% di uomini. Mentre le fasce d’età più colpite sono quelle degli adulti e degli anziani.
Il rapporto del Censis, fa anche una stima del costo annuo per paziente, che si aggira intorno ai 6.304 euro, di cui 1.838 euro di costi diretto e 4.466 euro di costi indiretti. Le spese private afferenti alla gestione e alla cura della patologia pesano «molto» o «abbastanza» sul bilancio familiare per il 66,5% dei malati, per il 28,0% pesano in misura ridotta e solo per il 5,5% non incidono significativamente. Le spese private pesano «molto» o «abbastanza» anche sui budget familiari per una quota del 76,0% per le persone con redditi bassi e del 48,3% per le persone più abbienti.

Ma il dolore cronico non è solo un problema di costi sociali. Incide soprattutto sulla qualità della vita dei pazienti e ne condiziona le loro attività quotidiane. Per il 67,8% dei malati la patologia incide molto o abbastanza negativamente sulla vita quotidiana e sul proprio benessere. La percentuale sale al 92,8% se si parla poi di quanto il dolore condiziona la vita quotidiana dei pazienti, dallo semplice svolgimento delle attività sportive o domestica, all’impatto sulla vita sociale e alla relazione con familiari e amici.
Per il 40% degli intervistati, poi, l’insorgenza della patologia ha avuto conseguenze negative sul proprio lavoro. Nel 35% dei casi i pazienti si sono dovuti mettere in malattia, il 30,8% ha dovuto chiedere permessi per recarsi dal medico e per effettuare terapie, o ridotto il proprio rendimento (25%). C’è poi una quota minore di pazienti, l’11%, che ha dovuto smettere di lavorare, mentre un 3,8% è stato costretto a cambiare lavoro perché l’impiego non era più compatibile con le problematiche legate al dolore.

In generale il 72% dei malati soffre di incomprensione e solitudine e ritiene che il dolore cronico, nella nostra società, sia decisamente sottovalutato. Da qui la richiesta di riconoscere il dolore come una patologia a sé stante (nel 81,7% dei casi), e di instituire, nell’ambito del SSN, uno specialista di riferimento per il dolore cronico di intensità moderata o severa (nell’86,2% dei casi).

Francesca Malandrucco

TAG: DOLORE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

01/03/2024

Per i pazienti con tumore del polmone non a piccole cellule di stadio III non operabile e con mutazione del gene Egfr, arriva una nuova opportunità terapeutica: la...

01/03/2024

Per riconoscere e rispondere ai bisogni di 10 milioni di persone in Italia che soffrono di dolore cronico è necessario tracciare un percorso per un salto ...

01/03/2024

Novo Nordisk Italia per cambiare il futuro dell'obesità lancia la campagna social 'Together for Health', con l’obiettivo di...

01/03/2024

L'aumento dell'attività fisica e l'adozione di un’alimentazione equilibrata e corretta sono aspetti chiave per la prevenzione dell’obesità. Ecco perché, in...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top