Login con

Medicina

13 Giugno 2024

G7, l’appello dei neurologi Ean: migliorare la salute del cervello deve essere una priorità

Migliorare la salute del cervello deve essere una priorità assoluta e i leader del G7 possono fare la loro parte per coordinare politiche globali e per adottare un approccio One Health. A sottolinearlo i neurologi della European Academy of Neurology 


G7, l’appello dei neurologi Ean: migliorare la salute del cervello deve essere una priorità

Migliorare la salute del cervello deve essere una priorità assoluta e i leader del G7 possono fare la loro parte per coordinare politiche globali e per adottare un approccio One Health. A sottolinearlo i neurologi Prof. Paul Boon, Elena Moro e Matilde Leonardi della European Academy of Neurology che hanno avanzato la richiesta nel dossier" Changing the mindset che sollecita i leader del G7 e i leader politici di ogni Paese ad occuparsi della salute del cervello e che sarà consegnato a tutti i delegati che parteciperanno al Vertice di Puglia.

Si legge nel paper, “occorre essere coraggiosi e adottare soluzioni globali, multilivello e pragmatiche per promuovere la salute del cervello, non solo quando si manifesta una patologia, ma durante tutto l’arco della vita come auspicato anche dall’OMS”.
Prendersi cura della salute del proprio cervello deve essere una cosa che entra nella prospettiva di miglioramento della salute che ogni paese può e deve adottare, promossa ad ogni livello tanto da poter essere seguita dalla maggior parte delle persone e in contesti totalmente diversi precisano gli esperti. Ci sono infatti attività molto semplici che con il minimo sforzo possono aiutare a raggiungere importanti risultati in termini di prevenzione. “Attività fisica e sonno regolare, una dieta equilibrata e il controllo della pressione arteriosa, smettere di fumare e coltivare connessioni sociali che promuovono le funzioni cerebrali, mentali e sociali, sono azioni che fanno bene al nostro cervello” sottolinea la dott.ssa Matilde Leonardi, Direttore della SC Neurologia, Salute Pubblica, Disabilità e del Coma Research Centre della Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta di Milano e membro del board dell’Accademia Europea di Neurologia.
“Se solo il 10% delle persone cambiasse mentalità potremmo assistere ad una trasformazione piuttosto veloce” prosegue Leonardi. “Per farlo occorre proprio cambiare approccio, passando dall'affrontare i problemi al prevenirli. L'Italia è in prima linea con pochi altri paesi, Finlandia, Svizzera, Norvegia, India, nel promuovere la salute del cervello e il 12 marzo scorso, coordinata dal Presidente della Società Italiana di Neurologia professor Alessandro Padovani, è stata lanciata alla Camera dei Deputati la Strategia Italiana per la salute del cervello 2024-2031".

In questa partita globale per la salute del cervello e la riduzione dell'impatto delle malattie mentali e neurologiche anche la politica può fare la sua parte. Nel documento gli esperti esplicitano in tre punti le azioni che i leader del G7 e ogni governo dovrebbero intraprendere:
1- Dichiarare la salute del cervello (neurologica, mentale e sociale) una priorità assoluta lungo tutto l'arco della vita delle persone;
2. Coordinare, integrare e catalizzare le politiche sulla salute cerebrale e mentale;
3. Collegare i piani globali, regionali e nazionali per la salute del cervello e stimolarli a implementare un approccio One Health al centro dei sistemi di cura, delle politiche e degli interventi.

Per leggere il dossier completo cliccare qui: https://edition.pagesuite-professional.co.uk/html5/reader/production/default.aspx?pubname=&pubid=cff88389-941c-40a9-bf3d-76699425a314

TAG: G7, SALUTE MENTALE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

22/07/2024

I paesi a basso reddito hanno fatto sforzi senza precedenti per vaccinare le loro popolazioni. La priorità della Gavi Alliance è duplice: aiutare i paesi a recuperare il terreno perso nella...

22/07/2024

Il sogno di un vaccino universale “one shot”  contro l'influenza potrebbe essere più vicino a realizzarsi. Gli esperti, sviluppando un vaccino mirato alla Spagnola del 1918 che ha ucciso...

22/07/2024

In questa fase, l'Agenzia sta raccogliendo l'interesse a prendere parte al tavolo da parte delle società scientifiche e delle organizzazioni sindacali, che hanno due settimane per presentare i loro...

22/07/2024

"Nessuna segnalazione né anomalia è finora arrivata da Asl e ospedali italiani", afferma in una nota il presidente Federazione italiana aziende sanitarie e ospedaliere (Fiaso), Giovanni Migliore,...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top