Login con

Governo e Parlamento

28 Marzo 2024

Virus sinciziale, il Ministero firma circolare su misure di prevenzione

Come anticipato ieri al convegno “Non è come sembra” organizzato da Edra, il direttore generale della Prevenzione del ministero della Salute Francesco Vaia ha firmato la circolare con le misure per prevenire il contagio da virus respiratorio sinciziale


Come anticipato ieri al convegno “Non è come sembra” organizzato da Edra, il direttore generale della Prevenzione del ministero della Salute Francesco Vaia ha firmato la circolare con le misure per prevenire il contagio da virus respiratorio sinciziale. "Evitare il contatto ravvicinato con persone malate, lavare frequentemente le mani, evitare di toccarsi gli occhi, il naso o la bocca, seguire una buona igiene respiratoria e il galateo della tosse". Sono queste le principali raccomandazioni che arrivano dal ministero, sulla base delle misure diffuse dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, l'Ecdc.

Il virus respiratorio sinciziale (Vrs) è "altamente trasmissibile e causa epidemie annuali durante l'autunno e l'inverno nei climi temperati", si legge nella circolare, ed è "la prima causa di bronchiolite e quindi di ospedalizzazione nei bambini sotto l'anno di vita, di infezioni respiratorie acute" e di bronchite asmatica in bambini, adolescenti e giovani adulti, nonché della riacutizzazione della broncopneumopatia cronica ostruttiva in adulti e anziani; in questi ultimi può essere anche responsabile di polmonite interstiziale con sindrome da distress respiratorio acuto. L'Organizzazione Mondiale della sanità stima che nel mondo questo virus provochi ogni anno 33 milioni di infezioni acute delle basse vie respiratorie, con più di 3 milioni di ricoveri e 59.600 decessi nei bambini di età inferiore ai 5 anni e 1,4 milioni di ricoveri e 27.300 decessi nei bambini di età inferiore a 6 mesi. L'Ecdc indica che in Europa, Norvegia e nel Regno Unito il virus respiratorio sinciziale è responsabile del ricovero di circa 213mila bambini sotto i cinque anni, alcuni dei quali necessitano di terapia intensiva, e di circa 158mila adulti.

Oltre alle misure di prevenzione non farmacologiche, la circolare del ministero indica che "sono oggi disponibili anche vaccini ed anticorpi monoclonali". Di questi ultimi, in Italia sono utilizzati il palivizumab, per i nati pretermine e i bambini ad alto rischio, e il nirsevimab, per i neonati e i "bambini nella prima infanzia durante la loro prima stagione di Vrs. Sono infine disponibili un vaccino ricombinante adiuvato destinato agli adulti e uno ricombinante bivalente per agli adulti e le donne in gravidanza.

TAG: VIRUS RESPIRATORIO SINCIZIALE, VIRUS SINCIZIALE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

22/04/2024

Andrea Mandelli, presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani (Fofi), interviene alla tavola rotonda "L'evoluzione della farmacia e del farmacista tra nuovi servizi e...

22/04/2024

In Italia si registrano infatti oltre 31mila casi l'anno di neoplasie con mutazioni geniche, ovvero tumori che presentano particolari mutazioni di geni, e questo apre le porte ad una medicina di...

22/04/2024

Premiate a Roma da Farmindustria le 8 scuole che hanno partecipato al progetto Alternanza scuola lavoro nel settore farmaceutico. Un premio di 1.000 euro ciascuno che gli istituti dovranno...

22/04/2024

"Oggi celebriamo 90 anni di traguardi ma guardiamo alle nuove sfide che abbiamo davanti e che insieme sapremo affrontare per raggiungere altri importanti risultati". Lo ha sottolineato...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top