Login con

Governo e Parlamento

25 Gennaio 2024

Anziani, ecco il decreto: arriva prestazione universale. Mille euro in più per over 80

Istituita, in via sperimentale, dal 1° gennaio 2025 al 31 dicembre 2026, una prestazione universale, destinata agli anziani over 80 non autosufficienti con "un livello di bisogno assistenziale gravissimo" e un Isee sotto 6.000 euro. Lo prevede il cosiddetto Dlgs attuativo della delega sull'assistenza ai non autosufficienti


Istituita, in via sperimentale, dal 1° gennaio 2025 al 31 dicembre 2026, una prestazione universale, destinata agli anziani over 80 non autosufficienti con "un livello di bisogno assistenziale gravissimo" e un Isee sotto 6.000 euro. Lo prevede il Dlgs attuativo della delega sull'assistenza ai non autosufficienti approvato dal Consiglio dei ministri. La misura è "subordinata allo specifico bisogno assistenziale al fine di promuovere il progressivo potenziamento delle prestazioni assistenziali per il sostegno della domiciliarità e dell'autonomia personale delle persone anziane non autosufficienti".

Per gli anziani non autosufficienti "è stato fatto un lavoro importante", con il via alla sperimentazione di due anni di una prestazione universale a scelta del cittadino "iniziando a mettere in protezione la platea di persone più bisognose e fragili e over-80. Si passerà da un assegno di accompagnamento attualmente pari a 531,76 euro a 1.380 euro, da poter spendere per servizi, cura e assistenza". Lo afferma la viceministra del Lavoro e Politiche sociali, Maria Teresa Bellucci, in conferenza stampa al termine del Cdm, sul decreto legislativo in attuazione della delega sulle politiche in favore delle persone anziane.

All'articolo 36, il dlgs prevede inoltre che "la prestazione  universale, esente da imposizione fiscale e non soggetta a  pignoramento, è erogata su base mensile ed è composta da una quota  fissa monetaria corrispondente all'indennità di accompagnamento" a cui si aggiunge "una quota integrativa definita ''assegno di assistenza'', pari a 1.000 euro mensili finalizzata a remunerare il costo del lavoro di cura e assistenza, svolto da lavoratori domestici con mansioni di  assistenza alla persona titolari di rapporto di lavoro conforme ai  contratti collettivi nazionali di settore" o "l'acquisto di servizi  destinati al lavoro di cura e assistenza e forniti da imprese  qualificate nel settore dell'assistenza sociale non residenziale, nel  rispetto delle specifiche previsioni contenute nella programmazione  integrata di livello regionale e locale".

Novità anche su attività fisica e pet therapy. All'articolo 13 viene infatti previsto che "le regioni, per il triennio 2024-2026,  promuovono la realizzazione di progetti che prevedano la  corresponsione di agevolazioni per le spese medico-veterinarie" o  "alimentari, per incentivare l'adozione di cani ospitati nei canili  rifugio e dei gatti ospitati nelle oasi feline da parte delle persone  anziane con un nucleo familiare composto da una sola persona e in  possesso di un Indicatore della situazione economica equivalente  (Isee) in corso di validità non superiore a euro 16.215".

Sul fronte della mobilità il testo prevede di "promuovere la mobilità delle persone anziane nei contesti urbani ed extraurbani, mediante l'istituzione di servizi di trasporto pubblico appositamente dedicati" ma anche "mediante la concessione di apposite agevolazioni per il trasporto privato". Muoversi, in paese e in città, ma non solo. Il dlgs in questione punta anche a mandare gli anziani 'in vacanza', attraverso convenzioni ad hoc che li conduca in "strutture ricettive, termali, balneari, agrituristiche e i parchi tematici, al fine di assicurare, a prezzi vantaggiosi, la fruizione delle mete turistiche alle persone anziane, anche nei giorni infrasettimanali e nei periodi di bassa stagione", si legge nel provvedimento. Che punta anche a promuovere "la realizzazione, a prezzi vantaggiosi, di soggiorni di lungo periodo nelle strutture ricettive situate in prossimità dei luoghi legati al turismo del benessere e alla cura della persona in favore di persone anziane autosufficienti".

Il provvedimento guarda poi anche al coinvolgimento dei giovani, mediante "la stipula di convenzioni con organizzazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale", che punti a "programmi di  'turismo intergenerazionale', che consentano" la "partecipazione di  giovani che accompagnino le persone anziane" in vacanza.

TAG: ANZIANI

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

29/02/2024

UCB Pharma ha deciso di supportare l’iniziativa “ColorUp4RARE”, ideata da EURORDIS – Malattie Rare Europa, Associazione europea che ha istituito questa...

29/02/2024

In occasione della Giornata Mondiale delle Malattie Rare 2024, Sanofi lancia la sua campagna “La Ricerca più Preziosa” volta a dare il proprio contributo di...

29/02/2024

Il gruppo chimico-farmaceutico Zambon con sede a Bresso nel Milanese, attraverso la controllata elvetica Zambon Biotech, ha siglato con la statunitense Amneal...

29/02/2024

L’Emilia-Romagna è stata considerata fino ad oggi una tra le regioni italiane all’avanguardia nel campo della terapia con radioligandi (RLT), che rappresenta...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top