Login con

Medicina

20 Ottobre 2022

Politiche sanitarie, associazioni pazienti ancora escluse dalle decisioni. Iniziativa Altems

Le Associazioni di pazienti sono sempre più realtà in grado di concorrere alla costruzione e allo sviluppo delle politiche sanitarie e chiedono di svolgere un ruolo attivo nei processi decisionali. Oggi però, in Italia, sono ancora escluse dai tavoli decisionali. Questo il punto di vista da cui è partita l'Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari


Le Associazioni di pazienti sono sempre più realtà in grado di concorrere alla costruzione e allo sviluppo di alcune delle più importanti politiche sanitarie e chiedono di svolgere un ruolo attivo nei processi decisionali che possono portare a risultati significativi nell'assistenza e nella cura. Oggi però, in Italia, sono ancora escluse dai tavoli decisionali, a differenza di quanto sta avvenendo in altri Paesi europei. Questo il punto di vista da cui è partita l'Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari (Altems) - Facoltà di Economia dell'Università Cattolica nel campus di Roma, con la settima edizione del 'Patient Advocacy Network', un'iniziativa formativa rivolta alle associazioni pazienti.

L'iniziativa nasce con l'obiettivo di coinvolgere le associazioni di pazienti, attive in diverse aree, per promuovere la formazione e il confronto su temi strategici nell'agenda sanitaria del nostro Paese, contribuendo a rafforzare il loro ruolo di advocacy nei confronti di Istituzioni e decisori.
Tema centrale quest'anno sono stati "Gli scenari della partecipazione in sanità alla luce del Next Generation EU: le priorità comuni delle associazioni per il futuro dell'Ssn". In Europa si stanno moltiplicando iniziative come tavoli, consultazioni, gruppi di lavoro che, nelle diverse tematiche relative alle politiche sanitarie, prevedono la partecipazione delle associazioni di pazienti nell'ambito della Commissione, del Consiglio, del Parlamento europeo e nelle politiche regolatorie di Ema, Agenzia europea del Farmaco. Le associazioni hanno approfondito i modelli di partecipazione presenti a livello europeo e si sono confrontate sull'evoluzione dello scenario del nostro Paese.

"Il corso che abbiamo organizzato - conclude Americo Cicchetti, direttore di Altems va nella direzione dell'intento di misurarsi con una prospettiva europea nella quale forte è il tema della partecipazione delle associazioni dei cittadini e dei pazienti, anche alla luce delle modifiche che saranno generate dal Pnrr".

TAG: MEDICI, PAZIENTI

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

12/04/2024

Il 26 marzo a Milano si è svolto l'evento “Brevetti e Segreti: Trasferimento Tecnologico nelle Scienze della Vita” organizzato ITTBioMed di Edra e DLA Piper, con il supporto di Lendlease, MIND...

12/04/2024

L'invecchiamento è il principale fattore di rischio per l'insorgere del cancro. Non solo l'accumulo di mutazioni genetiche, ma anche il deterioramento del sistema immunitario e l’esposizione...

12/04/2024

In Italia il 60% degli over 65 è colpito da una malattia cronica e, tra queste, le malattie cardiometaboliche sono le più frequenti. Gestire e tenere sotto controllo queste patologie richiede...

12/04/2024

Sono i trentenni sardi i più disponibili a dare il proprio consenso alla donazione degli organi, mentre ancora una volta è Trento la città più generosa d'Italia 

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top