Login con

Governo e Parlamento

11 Gennaio 2024

Ospedali, presentata in Senato risoluzione per la sicurezza. Ecco i contenuti

Ristrutturare gli ospedali italiani per renderli più moderni, accoglienti e tecnologici. È la risoluzione discussa in Commissione Igiene e Sanità del Senato e proposta dal presidente Francesco Zaffini sottolineata la farraginosità e la lunghezza dell'iter relativo alla definizione e all'attuazione degli accordi di programma funzionali alla  realizzazione degli interventi


Ospedali, presentata in Senato risoluzione per la sicurezza. Ecco i contenuti

Ristrutturare gli ospedali italiani per renderli più moderni, accoglienti e tecnologici. È la risoluzione discussa in Commissione Igiene e Sanità del Senato e proposta dal presidente Francesco Zaffini. La risoluzione, considerate "le numerose criticità connesse alla realizzazione del programma pluriennale di  interventi finalizzati alla ristrutturazione edilizia e  all'ammodernamento tecnologico del patrimonio sanitario", sottolineata "la farraginosità e la lunghezza dell'iter relativo alla definizione e all'attuazione degli accordi di programma funzionali alla  realizzazione degli interventi", e tenuto conto dell'"attuale  situazione critica in cui versano diverse strutture del patrimonio  sanitario pubblico", impegna il Governo, anche in virtù di quanto  previsto nel disegno di legge di Bilancio per il 2024, "a promuovere,  attraverso il ministero della Salute, coadiuvato da Agenas, in sede di Conferenza Stato-Regioni, un piano straordinario e urgente per la  messa in sicurezza del patrimonio sanitario pubblico".
La risoluzione punta a "mettere a disposizione delle Regioni e delle Province autonome le risorse finanziarie necessarie per la realizzazione del piano:
1) quote inutilizzate delle risorse di cui al citato articolo 20;
2) risorse a disposizione dell'Inail;
3) allo scopo di rafforzare la capacità progettuale e amministrativa delle Regioni del Mezzogiorno e per specifiche finalizzazioni, risorse del fondo per la coesione". Inoltre, avendo come riferimento il metodo del Pnrr, la risoluzione punta ad "una scadenza (auspicabilmente 30 marzo 2024) entro la quale ciascuna Regione, nel quadro della propria programmazione, è tenuta ad effettuare la ricognizione dei fabbisogni in materia di messa in sicurezza delle strutture sanitarie con identificazione della complessità dell'intervento e delle relative priorità, da articolare su tre livelli".
Ancora, si vuole "promuovere un monitoraggio periodico dell'attuazione del piano, con scadenza almeno semestrale, supportando, ove necessario, anche attraverso Agenas, le Regioni e le Province autonome nella predisposizione dei documenti di programmazione e della documentazione necessaria, nonché nella fase progettuale ed esecutiva". Infine, "in prossimità di ognuna delle scadenze individuate", la risoluzione impegna il Governo "a informare il Parlamento sullo stato di attuazione del piano, nonché sulle difficoltà eventualmente emerse nel rispetto delle azioni e dei tempi previsti dal piano stesso".

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

15/07/2024

Johnson & Johnson ha voluto promuovere, insieme ai diversi interlocutori del sistema Salute della Regione Lazio, un’iniziativa finalizzata ad individuare proposte in ambito organizzativo e...

15/07/2024

È disponibile in Italia per le persone con diabete, a partire dai 2 anni di età, il sensore FreeStyle Libre 2 Plus. Il sistema, che dura 15 giorni annuncia in una nota Abbott permette, con...

15/07/2024

La Commissione Europea, tramite HERA l'Autorità per la risposta alle emergenze sanitarie, ha presentato alla Critical Medicines Alliance un rapporto tecnico che valuta le vulnerabilità della catena...

15/07/2024

Se interrogati sul futuro della sanità, i giovani italiani puntano i riflettori sul superamento delle differenze, a partire da quelle socioeconomiche ritenute da 7 su 10 ‘under 30’ come la causa...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top