Login con

Governo e Parlamento

17 Ottobre 2023

Boggetti (Confindustria Dm), la manovra tace su payback. Forniture ospedali a rischio

Il commento sulla manovra del presidente di Confindustria Dispositivi Medici Massimiliano Boggetti riguardo il payback, che chiede che la questione venga affrontata subito con una proroga dei pagamenti e una soluzione definitiva entro fine anno


Boggetti (Confindustria Dm), la manovra tace su payback. Forniture ospedali a rischio

"Siamo stupiti e preoccupati che nella manovra non si affronti la questione del payback dei dispositivi medici come se il problema non esistesse. Il comparto a due settimane dallo scadere dei termini di pagamento delle quote di ripianamento dei tetti di spesa 2015-2018 rischia di fermarsi, mettendo così in difficoltà il diritto alla salute degli italiani".
Questo il commento sulla manovra del presidente di Confindustria Dispositivi Medici Massimiliano Boggetti, che chiede che la questione venga affrontata subito con una proroga dei pagamenti e una soluzione definitiva entro fine anno. "Parliamo - rileva Boggetti in una nota - di oltre mille imprese che forniscono il Servizio sanitario nazionale e che se si troveranno in difficoltà potrebbero non garantire l'approvvigionamento degli ospedali". È "allarmante - dichiara - che il presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, in conferenza stampa non abbia toccato il tema del payback, la situazione grave in cui versa la Sanità non sono solo le liste d'attesa, ma anche un comparto che fra 15 giorni rischia di non poter più fornire tecnologie mediche per la prevenzione, la diagnosi e la cura della salute degli italiani. La questione va affrontata subito con un'ulteriore proroga dei pagamenti e contestualmente con un tavolo di lavoro che metta fine alpayback entro dicembre". Secondo Boggetti, infatti, "questo clima di perdurante incertezza sta logorando le imprese e sta portando a scelte forzate di riduzione dei posti di lavoro e di carenza di prodotti di qualità negli ospedali. Il fallimento di aziende locali e il disinvestimento nel nostro Paese di quelle che operano su scala globale porterà a migliaia di licenziamenti e a una riduzione drastica al sostegno della formazione e a un ulteriore taglio agli investimenti in ricerca e sviluppo. Ci sarà insomma un effetto negativo a cascata di forte impatto sociale ed economico". Non solo, la situazione coinvolgerà in modo sempre più diretto, conclude, "l'offerta di salute e la possibilità per i cittadini di effettuare le prestazioni sanitarie previste dai Lea. Le conseguenze ricadranno soprattutto sulle classi sociali più deboli".

Il ministro della Salute Schillaci interpellato da La Stampa sul tema sottolinea come si tratti di “un problema di cui si occupa il ministero dell'Economia. Diciamo” aggiunge “che il payback introdotto negli anni passati, che obbliga le imprese del settore a ripianare la metà degli sforamenti, non era la migliore delle norme e infatti ci sono molti ricorsi da parte delle aziende. Per cui credo che in qualche modo in seguito bisognerà intervenire".

TAG: DISPOSITIVI MEDICI, PAYBACK

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

12/07/2024

Johnson & Johnson Innovative Medicine presenta la 'Patient Association Academy', un modello di collaborazione tra e organizzazioni civiche operanti in diverse aree terapeutiche. Il progetto è...

12/07/2024

Thermo Fisher Scientific Inc. ha annunciato il completamento dell'acquisizione di Olink Holding AB, leader nella fornitura di soluzioni proteomiche di nuova generazione. L'operazione valuta Olink...

12/07/2024

Le innovazioni basate sulla digitalizzazione, l'intelligenza artificiale e l'approccio data-driven sono gli elementi chiave per affrontare le sfide del sistema sanitario italiano, tra cui la carenza...

12/07/2024

Francesco Longo docente alla Sda Bocconi, direttore del Cergas e componente del Consiglio superiore di sanità, intervistato da Giuseppe Tandoi per Punto Effe parla delle prospettive del sistema...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top