Login con

Governo e Parlamento

21 Settembre 2023

Pnrr, da Regioni via libera a ripartizione fondi per telemedicina e Rete tumori rari

Parere favorevole della Conferenza delle Regioni alla ripartizione delle risorse Pnrr che interessano i servizi di Telemedicina. In sede di Conferenza Stato-Regioni è stato dato il via libera al decreto che prevede investimenti per 750 milioni per la telemedicina per raggiunge nell'erogazione dei servizi almeno 200mila persone


Pnrr, da Regioni via libera a ripartizione fondi per telemedicina e Rete tumori rari

Parere favorevole della Conferenza delle Regioni alla ripartizione delle risorse Pnrr che interessano i servizi di Telemedicina. In sede di Conferenza Stato-Regioni è stato dato il via libera al decreto che prevede investimenti per 750 milioni per la telemedicina per raggiunge nell'erogazione dei servizi almeno 200mila persone.
Nel frattempo, viene sottolineato, le Regioni e le Province autonome hanno già adottato Piani Operativi che definiscono il proprio fabbisogno di servizi minimi di telemedicina e quindi il numero delle persone da assistere.
Ad Agenas, l'Agenzia nazionale per i servizi sanitari, andranno 50 milioni in qualità di soggetto attuatore dell'investimento e alle Regioni e alle Province autonome saranno stanziate risorse per 432.049.248 di euro da ripartire in base al fabbisogno dei servizi minimi di telemedicina, vincolate all'acquisto sulla base della gare fatte dalle Regioni capofila (Lombardia per i servizi minimi di telemedicina e Puglia per le postazioni di lavoro) riferite ai fabbisogni.
Le Regioni hanno anche dato il via libera alla "definizione dell'assetto della Rete nazionale tumori rari, che si interfaccerà con le reti oncologiche regionali". L'intesa raggiunta in sede di Conferenza Stato-Regioni "definisce l'organizzazione nazionale prevedendo degli appositi centri che sono individuati sulla base dei criteri definiti nell'Intesa già precedentemente sottoscritta".
La rete nazionale - si legge in una nota - "è concepita in relazione al grado di competenze, di servizi prestati e alla capacità di teleconsulto. In questo modo si stabiliranno anche quali siano i centri nazionali e regionali di riferimento per l'intera famiglia o per la singola diagnosi di tumore raro. Sono previsti anche dei centri in rete non dotati di piena autonomia decisionale nell'intero processo di cura".

TAG: PNRR

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

19/07/2024

Il glioblastoma è il tumore cerebrale più aggressivo con un tasso di sopravvivenza a lungo termine inferiore al 2%. Nonostante la ricerca, la prognosi rimane infausta, ma nuove prospettive possono...

19/07/2024

Passi in avanti nella lotta contro il tumore grazie al lavoro dei ricercatori dell'Irst di Meldola, nel forlivese. Una nuova tripletta di farmaci potrebbe cambiare lo standard di cura dei pazienti...

19/07/2024

Dai problemi legati agli aspetti sociali a quelli in ambito familiare, come il rapporto con i figli o la sessualità, fino agli aspetti correlati al mondo del lavoro e all’inserimento...

19/07/2024

Nella perdurante assenza di una legge che regoli la materia, i requisiti per l'accesso al suicidio assistito restano quelli stabiliti dalla sentenza n. 242 del 2019, compresa la dipendenza del...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top