Login con

Medicina

02 Agosto 2023

Tumori, italiani sfuggono a screening. Mons. Paglia: priorità in legge anziani

Gli italiani sfuggono agli screening oncologici. Secondo gli ultimi dati, fra le donne poco più della meta si sottopone a mammografia contro il cancro del seno e solo 4 su 10 fanno regolarmente il Pap test o l'Hpv test per la prevenzione del tumore al collo dell'utero


Gli italiani sfuggono agli screening oncologici. Secondo gli ultimi dati, fra le donne poco più della meta (56%) si sottopone a mammografia contro il cancro del seno e solo 4 su 10 fanno regolarmente il Pap test o l'Hpv test per la prevenzione del tumore al collo dell'utero. Va ancora peggio per lo screening contro il cancro al colon-retto, con appena il 38% degli uomini e delle donne over 50 che esegue l'esame con cui si cercano eventuali tracce di sangue occulto nelle feci. I numeri sono stati ricordati durante una seduta dell'Intergruppo parlamentare 'Oncologia: Prevenzione, Ricerca e Innovazione', durante la quale è stato audito monsignor Vincenzo Paglia, presidente della Pontificia Accademia per la Vita, che ha evidenziato l'importanza di valorizzare anche a livello normativo la prevenzione anti-cancro rivolta alla popolazione anziana.
"La prevenzione oncologica è fondamentale - ha rimarcato monsignor Paglia, secondo quanto riporta una nota sulla seduta dell'Intergruppo parlamentare - anche perché in Italia vi è una popolazione over 65 anni in crescita. Deve essere emanata a breve una nuova legge per la riorganizzazione dell'assistenza, cura e presa in carico degli anziani. Il ministero della Salute e Palazzo Chigi sono ora chiamati a descrivere i disegni di legge attuativi che dovranno tenere conto anche della prevenzione oncologica. Ci sono poi altri aspetti importanti da considerare - ha aggiunto - come, per esempio, la malnutrizione degli anziani. È un problema sottovalutato, ma che determina spese sanitarie e gravi conseguenze anche per la salute degli over 65. È doveroso che quello che studia e poi propone la comunità scientifica ritorni sul piano legislativo sociale e sanitario. Il tutto deve essere poi accolto e messo in pratica dalle Regioni".

"I dati sugli screening sono in leggero miglioramento rispetto a quelli registrati dopo le prime fasi della pandemia di Covid-19 - ha sottolineato Saverio Cinieri, presidente nazionale dell'Associazione italiana di oncologia medica (Aiom) -, Ciò nonostante, il numero degli esami svolti va implementato quanto prima e per farlo non è sufficiente solo una migliore organizzazione dei vari programmi di screening. C'è bisogno di maggiore consapevolezza da parte di tutti cittadini", ha precisato l'oncologo. "I bassi tassi d'adesione riguardano tutta la Penisola, seppur con delle differenze territoriali- ha osservato Tilde Minasi, presidente dell'Intergruppo - In alcune Regioni del Sud si registrano i dati peggiori ed è proprio in quei territori che la prevenzione secondaria del cancro va maggiormente potenziata. Ringraziamo la Pontificia Accademia per la Vita per il sostegno che potrà dare a queste nostre nuove iniziative".

TAG: ONCOLOGIA, TUMORI

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

17/05/2024

Assoutenti esprime profonda preoccupazione per l'attacco cibernetico subito da Synlab che ha portato alla pubblicazioni di molti terabyte di dati sensibili di pazienti ed invita quindi l’azienda ad...

17/05/2024

Francesco Di Raimondo, Docente Ordinario di Ematologia all’università degli Studi di Catania, intervistato da Sanità33, fa il punto sulle terapie per il mieloma multiplo e sui nuovi vuoti...

17/05/2024

Nel costante processo di evoluzione del settore sanitario italiano, un nuovo capitolo si è aperto con la sigla di un accordo di collaborazione con l’obiettivo di approfondire e promuovere scenari...

17/05/2024

Il test di Medicina del 28 maggio è vicino: sarà un concorsone in presenza nelle sedi universitarie come ai vecchi tempi. La convocazione è prevista per le ore 8.30 ma si parte alle 13. E saranno...

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top