Login con

Intervista

31 Luglio 2023

Cambiamento climatico, Amato: serve alleanza europea per questione di salute planetaria

Da grande appassionato di tennis, e giocatore dilettante, Giuliano Amato utilizza una metafora efficace in una intervista uscita oggi su Repubblica


Da grande appassionato di tennis, e giocatore dilettante, Giuliano Amato utilizza una metafora efficace in una intervista uscita oggi su Repubblica: «La battaglia contro le palle da tennis che ci piovono in testa, e che in realtà sono palle di grandine mai viste, non è né di destra né di sinistra, ma una comune lotta contro la sopravvivenza».
L’ex presidente del Consiglio e della Corte Costituzionale interviene a tutto campo sulle questioni politiche nazionali e continentali, senza usare mezzi termini: parla esplicitamente di «terrorismo climatico» e di necessità di una concordia europea per combatterlo, come a suo tempo avvenne con il terrorismo politico. Restando all’Italia, un Paese vittima più di altri del cambiamento climatico, «non c’è più tempo per una transizione ecologica graduale».
Ma il problema non è solo nostro, si tratta di una questione di “salute planetaria”: «La transizione ecologica comporta un cambiamento radicale nella abitudini, nelle case che abitiamo, nelle automobili con cui ci muoviamo, nelle pratiche agricole, nei metodi di allevamento e pesca». Ai politici l’arduo compito di «convincere chi resiste, oppure ci avviamo verso un autentico disastro».

Dopo la diagnosi sui pericoli del futuro prossimo, la terapia. Secondo Amato, la tenuta alle elezioni spagnole dei socialisti e la contemporanea sconfitta dell’estrema destra di Vox sono di buon auspicio anche per le elezioni europee del prossimo anno: probabile che ne uscirà vittoriosa la “maggioranza Ursula” che sta governando oggi, basata sull’alleanza tra popolari e socialisti. Maggioranza di cui, auspica Amato, dovrebbe entrare a far parte anche Giorgia Meloni con i conservatori europei, di cui è presidente, evitando derive estremiste come quelle di certi negazionisti del clima: «Il terrorismo del clima non si sconfigge senza una voce politica uniforme».
Infine, parole molto dure nei confronti del progetto di autonomia differenziata portato avanti, in termini di riforma costituzionale, dal ministro Calderoli: occorrerebbe molto più tempo per approntare misure volte a evitare che il progetto crei ulteriori disuguaglianze tra Regione e Regione. Tempo che però il governo non concede: in questo modo si rischia di approvare una riforma che «spacca il Paese ed è incostituzionale».

TAG: CAMBIAMENTO CLIMATICO

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

12/04/2024

Il 26 marzo a Milano si è svolto l'evento “Brevetti e Segreti: Trasferimento Tecnologico nelle Scienze della Vita” organizzato ITTBioMed di Edra e DLA Piper, con il supporto di Lendlease, MIND...

12/04/2024

L'invecchiamento è il principale fattore di rischio per l'insorgere del cancro. Non solo l'accumulo di mutazioni genetiche, ma anche il deterioramento del sistema immunitario e l’esposizione...

12/04/2024

In Italia il 60% degli over 65 è colpito da una malattia cronica e, tra queste, le malattie cardiometaboliche sono le più frequenti. Gestire e tenere sotto controllo queste patologie richiede...

12/04/2024

Sono i trentenni sardi i più disponibili a dare il proprio consenso alla donazione degli organi, mentre ancora una volta è Trento la città più generosa d'Italia 

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top