Login con

Governo e Parlamento

13 Luglio 2023

Cannabis terapeutica, il Pd presenta Pdl. Cure più accessibili e meno burocrazia

Rendere più accessibili per i pazienti le cure attraverso la cannabis terapeutica, superando ostacoli burocratici, peculiarità regionali e difficoltà di approvvigionamento e sopperendo al fabbisogno reale di medicinali a base di cannabis. Sono gli obiettivi di una proposta di legge di cui è prima firmataria la deputata del Partito democratico


"Rendere più accessibili per i pazienti le cure attraverso la cannabis terapeutica, superando ostacoli burocratici, peculiarità regionali e difficoltà di approvvigionamento e mettendo nel contempo l'Italia in grado di sopperire al fabbisogno reale di medicinali a base di cannabis grazie a un attento monitoraggio, accompagnato da studi scientifici, informazione e formazione per i medici".
Sono gli obiettivi di una proposta di legge di cui è prima firmataria la deputata del Partito democratico Antonella Forattini, presentata alla Camera. Presenti, oltre a Forattini, la deputata del Pd Ilenia Malavasi, co-firmataria della proposta; il medico anestesista Gisella Lonati e la farmacista Elena Guidotti, che hanno collaborato ai contenuti del testo. "Sull'utilizzo della cannabis terapeutica per il trattamento del dolore, ma anche per tante altre patologie, l'Italia è rimasta ferma per troppo tempo dal punto di vista normativo", ha detto Forattini. "Oggi ci ritroviamo con una produzione insufficiente a coprire il fabbisogno e, soprattutto, nell'impossibilità di fatto per migliaia di pazienti di accedere alle cure pur avendone diritto. Colpa anche di lungaggini burocratiche e delle tante differenze tra i sistemi sanitari regionali", ha proseguito la deputata dem. "L'obiettivo della legge di cui sono proponente, e che spero trovi la più ampia condivisione - ha auspicato - è uniformare la materia su tutto il territorio nazionale e semplificare le procedure, sia per l'approvvigionamento che per la messa a disposizione dei pazienti".
Tra i punti più significativi del testo c'è infatti quello relativo alla programmazione del fabbisogno nazionale sulla base dei dati che dovranno fornire le Regioni in maniera puntuale. Si prevede, inoltre, che la produzione attualmente in carico unicamente allo stabilimento chimico-farmaceutico militare di Firenze possa essere affiancata da enti e aziende autorizzate, da individuare con decreto del ministero della Salute, e che possano essere importati ulteriori chemiotipi di cannabis.

TAG: CANNABIS, SANITà GOVERNO

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

23/02/2024

Stili di vita, nutrizione, adeguata attività fisica e mentale e uso di specifici supplementi possono modificare i processi di invecchiamento e di...

23/02/2024

Almeno 2 persone su 10 non sanno cosa sia il Fuoco di Sant'Antonio e una su 2 dice di saperne poco.  Eppure, quasi 2 su 3 conoscono altri che ne hanno sofferto e il...

23/02/2024

Novo Nordisk ed Eli Lilly hanno preso il comando nella corsa per conquistare l’ampia fetta del mercato dei farmaci per la perdita di peso, che si prevede avrà un...

23/02/2024

L'assemblea dei soci di Acc, la Rete Oncologica Nazionale del ministero della Salute, ha confermato alla direzione generale, per i prossimi 5 anni, Paolo De Paoli,...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top