Login con

Pharma

14 Ottobre 2022

Accesso alle cure e innovazione, Efpia: Europa sviluppi strategia a lungo termine

L'Europa sarà in grado di sostenere i pazienti e l'innovazione, mantenendo un ecosistema delle scienze che promuovono la vita, aiutando ad affrontare i problemi di accesso alla cura in collaborazione con l'industria e i paesi europei? Dopo la pubblicazione della legislazione farmaceutica dell’UE, il futuro del settore europeo delle scienze della vita rimane in primo piano


L'Europa sarà in grado di sostenere i pazienti e l'innovazione, mantenendo un ecosistema delle scienze che promuovono la vita, aiutando ad affrontare i problemi di accesso alla cura in collaborazione con l'industria e i paesi europei?
Dopo la pubblicazione della legislazione farmaceutica dell’UE, il futuro del settore europeo delle scienze della vita rimane in primo piano e Nathalie Moll, direttore generale di Efpia, lancia il tema cruciale degli investimenti e dell'innovazione sanitaria nello sviluppo europeo dei farmaci.

Fin dall'inizio di questa Commissione, gli obiettivi della Presidente Von der Leyen di garantire all'Europa la fornitura di medicinali a prezzi accessibili per soddisfare le sue esigenze e sostenere l'industria farmaceutica europea affinché rimanga un innovatore e un leader mondiale, hanno dato speranza a un’industria in cui gli investimenti sono sempre più diretti verso Asia e Stati Uniti. Oggi, infatti, il 47% dei nuovi trattamenti è di origine statunitense rispetto a solo il 25% proveniente dall'Europa (2014-2018).
La Dg di Efpia sostiene che questa Commissione, attraverso la revisione della legislazione, ha un'opportunità unica e forse l'ultima per mantenere un ecosistema di ricerca farmaceutica in Europa. Non è corretto pensare che ci troviamo davanti ad una scelta tra migliorare l'accesso, la disponibilità e l'accessibilità dei medicinali grazie all'ingresso anticipato dei vecchi farmaci generici, oppure garantire che la ricerca, lo sviluppo e l'accesso agli ultimi progressi per la cura del paziente avvengano in Europa.

Efpia chiede di sviluppare una strategia europea a più lungo termine (15-20 anni), creare stabilità e fiducia per attrarre investimenti biofarmaceutici nei 10-15 anni necessari per sviluppare un medicinale. Questo significa ripensare l’approccio alla ricerca, sviluppo e produzione di terapie avanzate, realizzando il potenziale della digitalizzazione, promuovendo politiche di approvvigionamento e tariffazione sostenibili. Inoltre, occorrerà investire in hub di livello mondiale per l'innovazione medica. La base per attuare tutto questo passa da un solido quadro di proprietà intellettuale leader a livello mondiale e un'evoluzione ambiziosa del quadro normativo dell'UE per garantire efficacia in futuro a fronte alla crescente domanda di risorse e rapido progresso scientifico.
In Europa la maggior parte degli strumenti politici che incidono sull'accesso alle cure, la disponibilità e il costo dei medicinali sono di competenza degli stati nazionali. Per compiere progressi reali è necessaria una comprensione condivisa e certa delle cause degli ostacoli e dei ritardi, mettendo in campo le giuste competenze. E alcune modifiche possono essere fatte a livello europeo.
Con oltre 8.000 nuovi farmaci in fase di sviluppo, la domanda per i responsabili politici europei non è se l'innovazione ci sarà, ma dove avverrà. E questo fa la differenza. È importante per i pazienti, per i nostri sistemi sanitari e per l'ecosistema della ricerca. È importante per la nostra resilienza, per l'occupazione e la crescita. Moll afferma che è necessario garantire che i pazienti europei non siano in coda o facciano affidamento su diagnostiche, trattamenti e vaccini sviluppati in altre parti del mondo. È cruciale garantire che la nostra comunità accademica, le PMI e la ricerca continuino a beneficiare dei 42 miliardi di euro che l'industria investe in ricerca e sviluppo in tutta la regione. L’obiettivo è che gli 840.000 dipendenti del settore in Europa continuino a poter scoprire, sviluppare e fornire nuovi farmaci proprio qui nell'UE, aiutando il settore a rimanere il principale contributore alla bilancia commerciale dell'Unione Europea.

Cristoforo Zervos

TAG: EUROPA, SANITà

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

23/02/2024

Stili di vita, nutrizione, adeguata attività fisica e mentale e uso di specifici supplementi possono modificare i processi di invecchiamento e di...

23/02/2024

Almeno 2 persone su 10 non sanno cosa sia il Fuoco di Sant'Antonio e una su 2 dice di saperne poco.  Eppure, quasi 2 su 3 conoscono altri che ne hanno sofferto e il...

23/02/2024

Novo Nordisk ed Eli Lilly hanno preso il comando nella corsa per conquistare l’ampia fetta del mercato dei farmaci per la perdita di peso, che si prevede avrà un...

23/02/2024

L'assemblea dei soci di Acc, la Rete Oncologica Nazionale del ministero della Salute, ha confermato alla direzione generale, per i prossimi 5 anni, Paolo De Paoli,...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top