Login con

Telemedicina

21 Aprile 2023

ChatGpt entra nella sanità Usa dopo accordo Microsoft-Epic. Ecco cosa farà

L'intelligenza artificiale di ChatGpt-4 entra anche nell'assistenza sanitaria. Potrà consentire a medici e operatori sanitari di redigere automaticamente le risposte ai messaggi dei pazienti, ma anche individuare delle tendenze sanitarie nelle cartelle cliniche


ChatGpt entra nella sanità Usa dopo accordo Microsoft-Epic. Ecco cosa farà

L'intelligenza artificiale di ChatGpt-4 entra anche nell'assistenza sanitaria. Potrà consentire a medici e operatori sanitari di redigere automaticamente le risposte ai messaggi dei pazienti, ma anche individuare delle tendenze sanitarie nelle cartelle cliniche. La sperimentazione parte negli Stati Uniti grazie ad un accordo tra Microsoft, che ha investito in OpenAi, la società sviluppatrice di ChatGpt, ed Epic Systems, una delle più grandi società di software per la sanità d'America. Tuttavia, la collaborazione desta dubbi etici tra i ricercatori sull'attendibilità dei sistemi di AI.
La collaborazione, scrive Microsoft sul suo blog, "è incentrata sulla fornitura di una gamma completa di soluzioni generative basate sull'intelligenza artificiale integrate per aumentare la produttività e l'assistenza ai pazienti". "L'applicazione di ChatGpt-4 rende più facile per le organizzazioni sanitarie identificare i miglioramenti operativi, come la riduzione dei costi", afferma Epic. La sperimentazione è partita in alcuni ospedali americani come Uc San Diego Health, UW Health a Madison nel Wisconsin e lo Stanford Health Care. Il software di Epic Systems - come riporta il sito specializzato ArsTechnica - in passato è finito al centro di polemiche per l'utilizzo di algoritmi predittivi nella sanità. Inoltre, alcuni esperti si chiedono se i modelli di intelligenza artificiale come ChatGpt siano adatti ad un settore delicato come la sanità, in quanto non perfetti. "I modelli linguistici non sono addestrati a produrre fatti. Sono addestrati a produrre cose che sembrano fatti", sottolinea la ricercatrice Margaret Mitchell.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Youtube! Seguici su Linkedin! Segui il nostro Podcast su Spotify!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

18/07/2024

La lista dei nuovi medicinali contro l'obesità potrebbe presto allungarsi. Roche ha, infatti, annunciato i dati di uno studio di fase I su un nuovo farmaco orale, da assumere una volta al giorno,...

18/07/2024

Rigenerare il cuore dopo un infarto, stimolando la formazione di nuovo tessuto e nuovi vasi sanguigni attraverso un farmaco '2 in 1' a base di Rna, così da restituire piena funzionalità al nostro...

18/07/2024

Nell'ultima campagna di vaccinazione contro Covid-19, si è vaccinato solo il 10,2% degli over 60, con valori compresi tra il 19,2% della Toscana e l'1,8% della Sicilia. La campagna antinfluenzale...

18/07/2024

La telemedicina offre chiari vantaggi sia per i pazienti che per gli operatori sanitari. L’OMS/Europa pubblica lo “Strumento di sostegno per rafforzare la telemedicina” mira a sostenere i...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top